Pubblicato il

Marbella, Genova, Diano Marina, Monferrato, Genova.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Negli articoli precedenti…

Eravamo rimasti che dalla Spagna ero ritornata in Italia, a Genova, mia città natale, dove mi ero appassionata alla storia dei cinghiali che vagavano di notte per il quartiere di San Fruttuoso.  Da li, ho cominciato a seguirli giorno e notte,  tra i boschi (facendo dai 10 ai 25 km al giorno sulle alture genovesi) e le strade urbane per stabilire con loro un contatto e riportarli nel loro habitat.   Questo ‘rapporto’ con gli ungulati è durato per circa 6 mesi, Lara, la mamma, e i suoi cuccioli, oramai facevano parte del mio quotidiano. In questo modo ho imparato a conoscere questi animali selvatici, che di selvatico oramai hanno ben poco… Ma la  mia permanenza genovese, dura poco.   Mi esaspero dallo squallore cittadino, dalla sporcizia, dal degrado che dopo anni, ho ritrovato in questa città.   Mi fa soffrire,  non riconosco più la mia bella e amata Genova. Vivendo fuori è più facile tornare a casa e vedere che tanto è cambiato! Così, decido di andarmene. Un’altra volta.

Il mio desiderio è sempre stato quello di vivere in mezzo alla natura, a contatto con i boschi e con gli animali, fare delle esperienze diverse. Siccome lavoravo ad un progetto, cioè viaggiare con un camper ( anche li perso un anno e due mesi della mia vita, dietro a sponsor, false promesse ed attese), decido di andare a vivere in un mobilhome all’interno di un parco vacanze. Per il mio passato e il mio stile di vita, è una cosa impensabile… Ma dovevo abituarmi ad uno stile quotidiano differente, avere spazi ridotti, convivere con i miei 4 cani per un lungo tempo indeterminato e senza grandi comodità… Mai scelta fu più felice! Per 5 mesi ho vissuto nel golfo del Dianese,  un luogo incantevole, un mare stupendo, una vegetazione strepitosa.

Odori di limone, rosmarino ed ulivo riempivano i miei polmoni, insieme alla lavanda e ai fiori selvatici! La natura sa regalare scenari e profumi che ben oltre vanno al sogno più bello. Scendevo a piedi verso il paese, spesso portavo anche i miei pelosi, e correvamo sulle bellissime spiagge di sabbia, mangiavamo un panino e tutto era così rilassante e carico di buona energia.

Altri giorni invece, le mie passeggiate si spostano verso i miei amati boschi. Partenza da Diano Marina verso Diano San Pietro,  Diano Castello, Diano Arentino, Passo Grillarine, Pontedassio, Merea, e proseguo sulle mulattiere sino a casa… Bellissimo quando sul versante verso Pontedassio, vedevo le Alpi ed il confine con il Piemonte. Dietro il mare ligure e davanti le alpi innevate.

Uno scenario da favola, il sorriso stampato sul viso, perché in un certo senso, dopo ore e fatica, hai raggiunto la vetta! Non stiamo parlando di scalare l’Everest, ma di assaporare la bellezza della natura, fermarsi e scoprire la terra, i fiori, le piante, le impronte degli animali. Non seguivo nessun tracciato e nessuna cartina,  “volevo “perdermi” nel bosco, e assaporare la gioia che provavo.

L’importante era che ad una certa ora, dopo  tot  km,  prima che venisse buio, dovevo prendere la strada per casa. Così, dopo più di dieci km, puntai verso il mare. Senza orologio guidavo il mio percorso con la luce del sole,  il mio ritmo vitale era all’unisono con la natura. In questo modo mi sentivo libera, felice, percepivo che ogni foglia di ogni albero, ha un suo profumo particolare, ti veniva voglia di strappare dalla terra gli asparagi selvatici e mangiarli sul posto, ma, rispetti la loro vita, perché anche loro ti stanno regalando qualcosa di magico. La vista ti sorprende, ti cattura, hai quasi paura di andare via da li, perché hai faticato tanto per arrivare in cima e non sai quando potrai più tornarci.. (soprattutto per me con un’ernia al disco, e che facevo iniezioni solo per poter  stare in piedi!!! Ma la determinazione superava il dolore!). Intanto calava il sole, e quasi mi sentivo spegnere un po’ anche io.

Sapevo che questa giornata meravigliosa stava finendo, continuando a seguire le impronte degli animali, scendevo verso le fasce dei boschi liguri, dalle terrazze naturali di ulivi, piante e paesaggi da fiaba. Continuo a puntare verso il mare, è inverno, ed il sole cala presto. Ma non mi importa se devo attraversare il bosco al buio. Io mi sento a casa. La mia camminata prosegue, è quasi buio, ma mi sento ancora più felice. Distinguo meglio gli odori, sento meglio i rumori e con la torcia posso vedere poco più avanti del mio naso. Il cuore batte forte, e quasi mi scende una lacrima di gioia. Quasi non me ne accorgo. Sono a casa.

La vita quotidiana nel mio mobilhome si rivela una grande scoperta positiva, (a parte il riscaldamento a pompa di calore, busto caldo e gambe gelide…), non mi manca nulla, anzi, a volte penso sia persino grande! Vivendo tutto il giorno in mezzo alla natura, mi sono resa conto che un letto può bastare, una cucina per preparare qualche buona pietanza   (che poi mi nutro praticamente di sola pizza, pop corn ed hummus), un bagno, una doccia e dove mettere i vestiti. Avevo anche uno spazio esterno, comodissimo per i cani, per prendere il sole e leggere un libro. Una vista magnifica. Avevo tutto. Purtroppo, per il freddo che passava tra gli infissi della porta, stando seduta al pc a scrivere il mio blog nelle giornate di pioggia, mi si infiammò il nervo sciatico. Ho passato dicembre e gennaio praticamente a letto o sul divano. Ogni giorno un’amica veniva a farmi un’iniezione, ed io iniziai a perdere il mio entusiasmo. Mi rendevo conto di perdere il mio tempo, di sprecare questa grande opportunità di crescita personale, di scoprire i boschi e rendere il mio fisico e la mia mente più forti.

Nonostante questo disagio fisico non da poco, alcuni giorni, sono riuscita ad andare a fare le mie lunghe camminate tra la natura, ogni passo era un dolore lancinante, ma la determinazione era più forte! Mi sentivo rigenerata, ripulita da tutta l’ansia, il nervoso e gli ostacoli che mi si presentavano ogni giorno. Mentre avanzavo nei boschi, recitavo Nam Myo Ho Renge Kyo, e tutto il dolore scompariva rapidamente.

I mesi passano veloci, e il mio progetto del viaggio in camper, ancora una volta non decolla! Continue false promesse, perdite di tempo, così decido di abbandonare questo mio sogno… Dopo aver investito soldi, energie, telefonate, appuntamenti, tempo, dopo più di un anno, mi ritrovo stanca, amareggiata. Devo inventarmi qualcosa da fare, inoltre devo lasciare la casetta, e mi ritrovo a dover cercare un altro posto dove andare.

Prendo una mappa geografica, internet, e chiudendo gli occhi punto il dito… Danimarca! Comincia la mia ricerca! Amo la natura e gli animali, quindi, cosa sarei potuta andare a fare? Lavorare in una fattoria!!!! Invio qualche decina di richiesta a diverse farm in Danimarca, il mio tempo e la mia manodopera, in cambio di vitto e alloggio! Purtroppo si presentava il problema dei 4 cagnetti, quindi, cercai anche in altri Paesi europei. Ma per un motivo o per l’altro, nulla. Volevo fare questa esperienza, soprattutto all’estero, avrei approfittato nei giorni liberi di visitare posti nuovi, di imparare un’altra lingua, tradizioni. Nulla.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Un giorno, mando un messaggio ad una cara amica, chiedendole se conosce qualcuno nella sa zona (Monferrato), per lavorare in fattoria. Mi chiama subito dicendo che lei stava cercando qualcuno! Non mi sembrava vero!!! Avrei avuto una cascina in mezzo al nulla tutta per me, terreno per far correre i miei bimbi pelosi, lavorare nel caseificio e con le capre! Il lavoro mi piaceva, avrei avuto i miei spazi, la mia libertà, avrei anche dovuto fare qualche consegna e vendita dei formaggi ad hotel e negozi.  Così accettai la proposta, e nel giro di una settimana, mi trasferii li!

Ero felice di vivere a stretto contatto con la natura e gli animali, stare da sola e mettermi ancora una volta alla prova, ma purtroppo, dovetti abbandonare questo desiderio di vivere in campagna.

I problemi sorgevano già appena mi svegliavo… la casa era troppo grande per poterla scaldare, ed il riscaldamento e l’acqua calda provenivano da una bombola a gas, che immancabilemnte, alla sera era vuota…

Aprivo la porta di casa per far uscire i cagnetti, e loro non volevano uscire a fare i loro bisognini perché  faceva troppo freddo (0 gradi o -1), c’era la nebbia, l’erba bagnata, e loro essendo chihuahuas e quindi piccini, si inzuppavano sempre. Così io ero triste, li vedevo infelici, annoiati, infreddoliti, e mi sentivo in colpa per tutto questo. In più lavoravo tutto il giorno e non potevo stare con loro. Da sempre abbiamo vissuto in simbiosi, staccarsi così, ha fatto male a tutti noi. Cercavo di asciugarli e poi correvo al lavoro in fattoria. Guidavo lungo il tragitto con la nebbia, e mi saliva il nervoso, avevo freddo,  dormivo male e poco per via dei ragni, e a volte durante la notte, finiva il riscaldamento. Quando entravo per fare una doccia,  dovevo insaponarmi e sciacquarmi di corsa, per paura che l’acqua calda finisse, ogni articolazione del mio corpo scricchiolava e avevo dolori fortissimi, arrivavo al lavoro, e stavo tra le celle frigo del caseificio o al pomeriggio nel furgone a fare consegne, al freddo e con l’odiosissima nebbia!

Per rendere la casa più accogliente, avevo investito anche diversi soldi, un frigorifero, una lavatrice, un’asciugatrice, la pittura per le pareti ingiallite, la vernice per i termosifoni, asse del wc, soffione della doccia, tendine, un materasso, armadietti… Fino all’ultimo istante ci ho creduto e ci ho provato! Ma alla fine decisi di mollare. Era troppo persino per me. Spesso non riuscivo a farmi la doccia, e puzzavo di capra… Amavo trascorrere il tempo con loro, coccolarle, parlargli, ma a fine giornata, una bella doccia è quello che ci vuole. Posso anche rotolarmi nel fango, ma devo sapere che posso lavarmi.

Con grande dispiacere e sconfitta personale, devo rinunciare. Anche la mia salute ne sta risentendo. Piangendo io e la mia amica ci abbracciamo, avevamo sperato che la cosa potesse avere esito positivo, ma aveva capito che non stavo davvero bene. Ma la ringrazio per quelle due settimane trascorse insieme, mi ha insegnato cose nuove, e la nostra amicizia continuerà sempre. La stima ed il rispetto non vengono a meno quando ci si vuole bene.

Un martedì mattina, mi sveglio, ero stanca, infreddolita, mi alzo dal letto e vado in cucina per mettere su un caffè… mi rendo conto che diverse cose non sono al loro posto, e mentre cerco di ricordare scoppio ad urlare! Ricordo solo di aver sognato che degli zombie uscivano dalla terra e circondavano la mia cascina, poi entravano in casa, ed io che li combattevo e facevo saltare le loro teste con dei coltelli, li prendevo a calci e pugni… (sonnambulismo da stress)… Avevo il corpo pieni di lividi, chissà con cosa ho combattuto in quelle ore. Iniziai a piangere, e intanto finiva la bombola del gas… niente caffè. Niente acqua calda! Chiamai tutti i miei amici supplicandoli di venirmi  prendere, ero disperata, terrorizzata, perché inconsciamente, stavo rivivendo la brutta esperienza dei ladri a Marbella.

Una coppia di amici conosciuti a Diano Marina, vennero a prendere me e i miei cani nel Monferrato, improvvisamente iniziai a stare meglio, ma ero tanto dispiaciuta per la mia amica, aveva creduto in me, ed io la stavo deludendo…ero dispiaciuta per me stessa per aver mollato per la prima volta nella mia vita, mi sono sentita fragile, indifesa, avevo paura che la guerriera stesse per scomparire, e mi arrabbiavo sempre di più.

Stavo pretendendo troppo da me stessa, questo continuo bisogno di mettermi in discussione, di fare esperienze così diverse da quelle a cui sono stata abituata. Di dovercela fare da sola, non aver bisogno di nessuno e non chiedere mai aiuto… Forse, o quasi sicuramente, se avessi avuto un luogo caldo, e non a dipendere da una bombola del gas in una casa così grande, se non fossi dovuta andare in giro per quelle vallate nebbiose e guidare rischiando la mia vita ogni giorno, sarei ancora li. Avrei sopportato anche il freddo, perché ero con la natura e i miei animali, questo mi avrebbe ripagata dalla scelta di vita che avevo fatto, pian piano nei giorni di festa, sarei andata a camminare nei boschi, a fare le mie foto, a far giocare i miei bimbi pelosi.

Ma quando il cervello ed il tuo corpo non ne possono più, devi avere la forza ed il coraggio di dire basta! Non vuol dire che ti arrendi, adesso l’ho capito, tu ci hai provato, ci hai creduto, hai sforzato il tuo corpo e la tua mente, fino a quando sono crollati. E’ anche vero che ne venivo da due mesi di sciatalgia ed ernia del disco, quindi ero snervata dal dolore, e tutto insieme, alla fine, mi han portato a… tornare a Genova.

Più cerco di andare via da qui, e più il mio karma mi riporta a dover riprovarci! Adesso ho iniziato nuove sfide…

Ma le mie avventure non finiscono qui… A Genova, ho ritrovato i miei amati cinghiali…

Alla prossima puntata!

 

Pubblicato il

Nuova scelta, nuova vita.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

La vita è un grande dono, e noi siamo gli artefici del nostro personale percorso e del  nostro  cambiamento, alcuni  pensano  che  il  proprio destino sia  già stato scritto, altri credono al Karma (come me che sono Buddista), ma ogni  decisione, spetta soltanto a noi stessi.

Ho avuto la fortuna di apprezzare e godere di fortune nei miei primi 40 anni di vita, tra felicità effimere, cose materiali, bei viaggi, ambiente ‘very important’, ma poi, alla fine, non erano quelle le cose a cui aspiravo.

Certo, essere una bella ragazza e  fare la modella, aiuta ad elevare il tuo stato sociale,  sei sempre invitata a belle feste, ottieni tanti favori, e sei consapevole del tuo potere, ed hai imparato ad usarlo proprio bene. (non parlo di compromessi sessuali, a cui in tanti possono alludere, il bello della forza del proprio potere, è saperlo esercitare sugli altri, senza dare nulla in cambio…).

In un certo senso, essere al centro dell’attenzione mi piaceva, (cominciai a fare televisione a tre anni…), ma il mio reale sogno, è sempre stata la compagnia degli animali.   Avevo più di 200 pupazzi in camera mia, ed ognuno aveva un nome, li suddividevo  per famiglia  (rispetto alla loro razza), e giocavo, parlavo con loro anche prima di andare  a dormire. Erano la mia famiglia. Sognavo di avere una casa in mezzo al bosco e vivere con tanti animali.  Questo è sempre stato il mio desiderio.

DOBBIAMO SMETTERLA DI PREOCCUPARCI TROPPO DI TUTTI E POCO DI NOI. STAR BENE SIGNIFICA PENSARE ANCHE A SE STESSI. ( L. DEL GRANDE).

Inoltre  ho sempre amato la medicina,  le scienze e  la geografia,  già  da piccola dovevo capire cosa sarei potuta diventare da grande… Un medico chirurgo?  Un veterinario?   Una viaggiatrice?  Tutt’ora  queste  sono  le  mie passioni…   Ma  le volontà o le paure dei genitori fanno si, che i tuoi doni, vengano a volte messi da parte, e poco importa se tu potevi diventare un bravo medico, perché ai tuoi,  gli ospedali,  gli aghi o il sangue hanno sempre fatto effetto. E così, ho frequentato scuole di cui non mi sono minimamente impegnata.   Segretaria aziendale?   pensavo: ‘  io non lavorerò mai per qualcuno, poi come segretaria… figuriamoci!’. Ho anche  frequentato la scuola alberghiera, si è vero, sono molto brava a cucinare, ma al di là di organizzare feste e cene, la cosa non mi ha appassionato più di tanto.  Ho studiato come stilista e modellista di moda, beh, con una madre sarta,  io modella,  pensavo che aprire un  mio atelier,  sarebbe stata  la strada giusta da percorrere.  Insomma, la moda, lo stile, i tessuti, sono stati miei compagni di crescita per lunghissimi anni. E così ho aperto a Marbella, il mio atelier di moda. Un totale fallimento! Ho perso tutto.

 

 

No. Questi non erano i miei reali desideri, erano solo capacità di sapere cucinare, saper cucire un abito, ma non avevo la voglia di farlo per tutta la vita. Per tutta la vita avrei voluto curare i malati,  gli animali e viaggiare.

 

GODITI OGNI MINUTO DEL TUO TEMPO, PERCHE’ IL TEMPO NON RITORNA. QUELLO CHE RITORNA E’ SOLO IL RIMPIANTO DI AVER PERSO TEMPO.  (V. SANTORO).

La Spagna nonostante le brutte esperienze, è stata un’ottima scuola, mi ha reso più forte, più selettiva, più attenta alle fregature. Prima di entrare in quel paese, vivevo ancora bene, mi entusiasmavo di ogni cosa,  credevo in alcuni rapporti d’amicizia (sono comunque sempre stata diffidente),  non mi mancava davvero nulla. Ma dopo essere stata narcotizzata e derubata, (soldi, auto), ed aver superato il forte shock, avvenuto nei mesi successivi, con attacchi di panico, ho cambiato in modo decisivo e drastico la mia vita.  

Dunque ritorno a casa, (Italia, Genova) il mio atteggiamento nei confronti della vita è cambiato, non mi fido più di nessuno, le promesse che mi erano state fatte, non sono state mantenute, e così, è normale chiudersi nel proprio mondo, ancora di più di quanto già non fossi solitaria.

Ritornare nella mia città dopo alcuni anni, è stata una grande delusione. Ho trovato una città sporca, cara, umida, fredda, piovosa, senza sbocchi per il futuro, e tante prese per i fondelli!  E ricomincio  ad organizzare un nuovo trasloco, perché non sopporto più vivere qui.

Intanto mi dedico alle passeggiate nei boschi per salvare dei cinghiali che molto spesso scendono nei centri urbani per scappare dal loro habitat, questo grazie a cacciatori spietati e ad alcuni componenti di una Regione assassina.   Mi appassiono così tanto alle camminate, ai paesaggi e alla natura,  che quando non posso andare li,   (causa giornate di caccia) sto male, perché oramai il bosco fa parte di me. Ogni volta che sono in mezzo alla natura, mi passa ogni dolore, inizio a sentire i suoni,  respiro aria fresca e pulita, e osservo ogni cosa attorno a me con immenso interesse.

Sento le mie gambe sprofondare nella terra come radici,  mi sento parte integrante del luogo, le mie braccia diventano rami fioriti che si innanzano nel cielo, e sento che il bosco è casa mia, mi rende felice, mi fa stare bene. Quando la giornata giunge al termine e devo tornare a casa dopo la mia bella camminata, le orecchie si tappano, come se inconsciamente non vogliono sentire nessuno, mi viene mal di testa, nausea, attacchi di panico, tristezza, respiro male e mi lacrimano gli occhi.

Questo mio stato pschico-fisico, dura da un anno. Davvero, solo quando vado a passeggiare al mare o nei boschi, sto bene!

Nel frattempo divento buddista, e con grande piacere ed enorme sorpresa, scopro di avere una forte spiritualità e una forte fede. 

Inizio a diventare sempre più sofferente, vivo malissimo in città,  lo smog  e  la sporcizia e la maleducazione, non le tollero più, e stare in mezzo alla gente, mi procura ansia e attacchi di panico. Devo reagire e trovare la mia pace interiore.

Un giorno, decido così di noleggiare un camper, e  andare al salone di Parma per parlare con le aziende produttrici di camper, per una collaborazione e realizzare il mio Tour ‘travellingwith4chihuahuas’, a cui lavoro da più di un anno. Alcune aziende si sono mostrate interessate,  e così, tutta felice, continuo a programmare gli itinerari, i costi, stilare una lista di campeggi, aree di sosta, consumi, abbigliamento, sponsorizzazioni, comunicati stampa, accordi…  Ma dopo settimane e mesi di trattative, improvvisamente con un ‘no’, crollano tutte le mie fatiche e le mie speranze, e perdo credibilità e fiducia con alcuni investitori.

 

NON ASPETTARTI NIENTE DA NESSUNO! PERCHE’ OGGI DICONO CHE SEI SPECIALE, E DOMANI TI IGNORANO COME SE NON FOSSI NESSUNO

Poco importa a chi ha messo la propria parola e poi, nemmeno direttamente ti comunica che è stata cambiata idea, poco importa, se hai lavorato ogni giorno per un anno, rinunciando a molto, per costruire il tuo progetto. Poco importa se aziende leader avrebbero voluto un ritorno pubblicitario mondiale,  senza investire un euro! Si sa, oramai si lavora gratis! A chi importa della tua vita?  Così sei costretta ad imparare un’altra lezione. Sei una guerriera.  Questo vedono tutti.

http://sabawesser.com/pronti-per-una-nuova-esperienza/

MI DICONO ” TU STAI TROPPO SOLA”. E IO RISPONDO: ” VOI STATE TROPPO CON CHIUNQUE!”. ( M. LUNA).

Ma una cosa invece alle persone importa parecchio: avere la maggior visibilità possibile, in modo gratuito, investire zero anche se crede nel progetto, ma ti dice: ‘ c’è crisi non sono i tempi’, oppure lavori prestando la tua immagine e poi non vieni pagata, ‘perché non ci sono i soldi’ e poi te li vedi su facebook a son di bottiglie e puttane. Tutti a dire bello il tuo progetto, metti il logo dell’azienda, ti aiuto, ti sponsorizzo, ho dei contatti per te, e poi spariti tutti?

ALLA FINE IMPARI A DARE ALLE PERSONE LA STESSA IMPORTANZA CHE DANNO A TE! (A. HEPBURN).

Così esausta di questi comportamenti, stanca di menzogne e false promesse, stanca di essere reperibile H24 sul cellulare, sui social, stanca di corteggiatori che ti dicono di essere single ed invece scopri che sono sposati, fidanzati o convivono, ( ma loro non demordono,  ti stanno addosso e fanno carte false pur di averti), stanca di uomini che messaggiano  di continuo su WhatsApp o messenger, ho bloccato tutti ed ho detto basta! E’ tutto un troiaio, una finzione, un opportunismo, una falsità, una città di assassini (cacciatori). Io voglio stare da sola. Tutto questo mi ripugna!

Io non ho mai smesso di credere al mio viaggio,  vivere e viaggiare il mondo in camper insieme ai miei 4 pelosi.  Noi 5 da soli, con i nostri tempi, la nostra felicità, senza interferenze esterne. Realizzare reportage e stare a contatto con la natura e gli animali…

UN UOMO VEDE NEL MONDO CIO’ CHE EGLI PORTA NEL CUORE. (J.W. VON GOETHE).

Così pensai, invece che continuare a buttare via i soldi in un appartamento in un condominio rumoroso, con uno schiocco di dita, decisi in due minuti di trasferirmi a  vivere temporaneamente in un campeggio!

Individuai subito quale sarebbe stata la mia casetta. Un mobilhome in mezzo al verde, con un giardinetto, perfetto per far giocare i miei cani, tra i piedi del bosco e a pochi km dal mare.

La scelta è stata dettata dal fatto, che dovevo fare questa esperienza prima di chiudermi davvero dentro un camper. Abituata a grandi case, stare in pochi metri quadrati, non sarebbe stato facile. Invece, con mio grande stupore, mi sono letteralmente innamorata di questo stile di vita. Nel mobilhome vivi nello stretto, ma hai tutto ciò che davvero serve. Ho imparato a capire cosa è necessario e cosa no, quanti vestiti utilizzare, i consumi, le lavatrici. Mi sono resa conto che alla fine mi serve un letto dove dormire, un bagno, una doccia, la cucina e un divano e un tavolo dove usare il pc.  Le proprie esigenze cambiano in funzione del tuo desiderio. Il mio desiderio è di viaggiare e stare ogni tot giorni in un luogo diverso. Ho trovato la mia giusta dimensione!

SIATE SINCERI E SEMPLICI, QUESTO E’ L’ESSENZIALE. (F. DOSTOEVSKIJ).

Nessuno sa dove vivo, ma alcuni sanno che la viziata principessa, ha deciso di vivere in modo più spartano ed è felice così. Non voglio nessuno per i piedi, sto bene nella mia solitudine e nel mio silenzio. Dedico le giornate agli animali, alla natura, a realizzare il mio viaggio, alla ricerca del camper e al Buddismo.

Sono felice della scelta che ho fatto, perché ho trovato la mia pace interiore, il mio benessere ed il mio equilibrio. Le persone hanno paura a stare in silenzio, hanno sempre bisogno del contatto, di parlare, di socializzare e non  rispettano la tua scelta, spesso mi sento dire: ” poverina, sei sola”, ma io ho fatto una scelta che mi fa stare bene. Trascorro le mie giornate ad esplorare il territorio, tra mare e boschi, le giornate sono meravigliose, il tempo è bello e fa ancora caldo, e mi sembra di vivere in un sogno. Nel frattempo arriva il freddo, ed io lo patisco favvero molto, passando fa una bronchite all’altra, e mi blocco con la schiena, così sono costretta a fare iniezioni di voltaren e muscoril per poter stare in piedi! Il mio entusiasmo si spezza, non sono in grado di camminare per i boschi, non riesco ne a sedermi ne a tirarmi su. Trascorro le giornate tra il letto ed il divano. 

Il mio progetto del viaggio in camper non decolla, i reportage che dovevo realizzare in questo territorio, saltano per il mio stato di salute, e così subentra la noia, la rabbia, e trascorro dicembre e gennaio praticamente bloccata.

Così, ho iniziato la ricerca di un nuovo posto dove andare. Sarei dovuta partire da qui direttamente con un camper, ma per causa di forza maggiore, ho dovuto cambiare progetto.

Decido così di cercare un lavoro in una fattoria in cambio di vitto e alloggio! Parlo con un’ amica, che mi propone di andare a stare (ma in un casale separato), su da lei! Il mio sogno di vivere con gli animali si avvera!

Ho finito di fare le valige del mio 35° trasloco, da una parte mi spiace perché volevo conoscere ogni bosco di questa riviera, (ligure di Ponente) della valle impero e valle argentina, il golfo dianese, invece, per la mia situazione di salute, ho perso 2 mesi bloccata a letto, non potendo realizzare i miei video e reportage e quindi pubblicarli.

Vivo questi ultimi giorni (anche se con la pioggia), a passeggiare in spiaggia, tra poco per un bel po’, non vedrò più il mio amato mare, ma sarò comunque felice, perché andrò a vivere in campagna! Mi aspetta tanta natura, tanti animali, nuovi boschi da scoprire… Il mio cuore si riempie di gioia, avrò un luogo nuovo e una casetta tutta per me e per i miei bimbi pelosi! Lavorare in fattoria? Si!!!

 

Arrivederci Diano Marina!

 

VIVI OGNI GIORNO COME SE FOSSE OGNI GIORNO. NE’ IL PRIMO NE’ L’ULTIMO. (P. NERUDA).