Home Europa 6 idee per un week end fuori porta

6 idee per un week end fuori porta

by Saba Wesser

Le grandi città italiane sono sempre molto visitate dagli appassionati d’arte. Ma tutto lo Stivale è ricco di storia e di cultura e anche i centri più piccoli nascondono sorprendenti tesori, per chi vuole prendersi il tempo di scoprirli.

Orvieto, Umbria

Ci troviamo in Umbria, precisamente nella bellissima città di Orvieto, con un importantissimo patrimonio artistico e culturale, arroccata su una rupe di tufo, a cui deve le sue origini alla civiltà etrusca e rappresenta una delle città più antiche della nostra Penisola. Da visitare l’imponente Duomo,  meraviglia del gotico italiano, che ospita la splendida cappella di San Brizio,  in stile rinascimentale, che raffigura il giudizio universale, il Sacro Corporale e pregiate cappelle con affreschi del ‘500 rimasti intatti nei secoli. Una passeggiata nel borgo antico e nelle strade medievale, vi riporteranno indietro nel tempo. Scopri la città sotterranea: il Pozzo di San Patrizio e Orvieto Underground, due incredibili attrazioni che furono scavate dagli abitanti, con grotte e pozzi.

Urbino, Marche

Altra città con un centro storico Patrimonio UNESCO, è Urbino, in passato è stata definita la città più importante del Rinascimento italiano, grazie alle forte ambizioni del duca Federico di Montefeltro, un vero amante dell’arte e dell’architettura. Da visitare assolutamente, il maestoso complesso del Palazzo Ducale, oggi sede della Galleria Nazionale delle Marche, dove è esposto il quadro simbolo dell’arte tricolore: la Città ideale. La collezione della Galleria ospita anche opere di altri maestri dell’arte italiana come Tiziano,  Raffaello e Piero della Francesca. Da visitare la casa natale di Raffaello, e ammirare le opere originali dell’artista come la Madonna con Bambino. Il Duomo di Urbino, la Chiesa di San Bernardino e l’Oratorio San Giovanni.

Verona, Veneto

Verona, da sempre considerata la città degli innamorati e dell’amore, conserva intatto il suo fascino da circa duemila anni di storia. Il centro storico di Verona è senza dubbio un luogo ricco di luoghi caratteristici che vale la pena visitare ogni momento dell’anno. L’Arena, è il simbolo della città, sede ogni anno di uno dei più famosi festival lirici d’Europa, risalente al periodo romano,  intrecciandosi in modo armonioso alle strade medievali e ai palazzi rinascimentali. Piazza delle Erbe, è il fulcro del borgo antico della città, conserva una bellezza senza rivali con le Case Mazzanti, la Casa dei Giudici, il Palazzo del Comune, la Casa dei Mercanti, il Palazzo Maffei e la Torre dei Lamberti, da dove si può osservare la città dall’alto. Prima di lasciare Verona, tappa obbligatoria è senza dubbio, una visita al balconcino medievale della Casa di Giulietta.

Booking.com

Perugia, Umbria

La bellissima città di Perugia,  è arroccata sul colle e circondata dalle antiche mura difensive etrusche e medievali. Città ricca di storia e monumenti, polo culturale, produttivo e direzionale della regione. Una delle Università  più famose è l’Università degli studi di Perugia (1308), principale ateneo umbro, e anche uno dei più antichi d’Italia e del mondo, sede della seconda accademia più antica d’Italia, l’Accademia di belle arti Pietro Vannucci (1570), nonché sede di una delle primissime biblioteche pubbliche, e  la Biblioteca Augusta (1592). La cinta muraria etrusca originaria, oggi ancora visibile in molti punti, racchiude il Colle Landone e il Colle del Sole sui quali si erge l’Acropoli.  Il centro storico di Perugia, è un incrocio di stradine che raggiungono la parte più alta della città, Piazza IV Novembre. Qui vi è la Fontana Maggiore, straordinaria opera di Giovanni e Nicola Pisano, di fine Duecento, che oggi ne rappresenta il simbolo della città. Nelle vicinanze c’è Palazzo dei Priori, sede della Galleria Nazionale dell’Umbria, che possiede una delle raccolte più ricche d’Italia con opere di interesse internazionale che vanno dal Medioevo al Rinascimento. Da visitare assolutamente, la Cattedrale di San Lorenzo, dove vi è la Deposizione dalla Croce di Federico Barocci e il Santo Anello, l’anello nuziale della Vergine Maria. Perugia ha davvero molto da offrire e da visitare, tra le sue bellezze troviamo il Teatro Morlacchi, dell’Acquedotto Medievale, la Chiesa di San Severo, dove Raffaello realizzò un ciclo di affreschi completati solo più tardi dal Perugino.

Assisi, Umbria

Rimaniamo ancora in Umbria, precisamente ad Assisi, città religiosa da sempre associata al Santo Patrono d’Italia, San Francesco D’Assisi, cultore di uno stile di vita umile e povero e amante della natura e degli animali. La Basilica di San Francesco, luogo di nascita dell’ordine francescano è composta da due Basiliche sovrapposte, caratterizzate da cicli di affreschi di artisti come Giotto, Cimabue e Torriti. Nella Cripta è posta la tomba di San Francesco, proclamato patrono d’Italia il 18 giugno 1939 da papa Pio XII. Un’altra visita importante è la basilica di Santa Chiara un  vero luogo di culto del centro storico di Assisi. La città è davvero ricca di storia, da scoprire passo dopo passo, tra le sue salite e discese e vicoli stretti, perdendosi in un passato storico e archeologico.

Booking.com

Matera, Basilicata

Matera è una città tra le più antiche del mondo il cui territorio custodisce testimonianze di insediamenti umani a partire dal paleolitico. Matera, la città dei sassi, un nucleo urbano originario, sviluppatosi a partire dalle grotte naturali scavate nella roccia e successivamente modellate in strutture sempre più complesse all’interno di due grandi anfiteatri naturali che sono il Sasso Caveoso e il Sasso Barisano. Giovanni Pascoli disse: “Delle città in cui sono stato, Matera è quella che mi sorride di più, quella che vedo meglio ancora, attraverso un velo di poesia e malinconia“. Nel 1993 l’UNESCO dichiara i Sassi di Matera Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Qui il tempo si è fermato, lasciando i visitatori senza parole, per questa incredibile città scolpita nel tufo. Matera è una città unica, un luogo straordinario senza tempo. Percorrete le aree naturali al cui interno vivono diverse specie faunistiche e floristiche, delle tradizioni contadine, dei paesaggi di incomparabile bellezza. Il 17 Ottobre 2014, Matera,  la città dei Sassi è stata designata Capitale europea della Cultura per il 2019.

You may also like

Rispondi

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: