Tour on the road,  Trekking

IL PARCO DEI LAGHI DI PLITVICE.

DIARIO DI BORDO – GIORNO 42 DI VIAGGIO

Buongiorno a tutti #travellers!
Ieri, giovedì 2 maggio, siamo arrivati a Plitvice, dopo  2 giorni di sofferenza… Per chi mi segue sulla pagina facebook, https://web.facebook.com/thexplorerworld/ avrà visto la situazione disastrosa riferita a tutti quei cani abbandonati e morti, che ho incontrato lungo la strada, tra la catena montuosa di Velebit sino a qua. Inoltre, mentre proprio stavo facendo un video ” target=”_blank” rel=”noopener noreferrer”>video del cane zoppicante(ero in un camping ristorante Fortuna, che per altro ci hanno ospitato gratis, davvero gentilissimi e buon ristorante!), un cane zoppicante si è avvicinato a me, così gli ho dato acqua e cibo, un bel pò di coccole e l’ho fatto giocare con i miei cani. ” target=”_blank” rel=”noopener noreferrer”>il cane zoppicante mangia Mi si è spezzato il cuore, perchè voleva salire sul camper…
La situazione qui è davvero tragica, sono tantissime le persone che vengono qui in vacanza, e abbandonano  il proprio cane! Anche chi ha il #camper! Ma che razza di gente è questa? Ho parlato con diverse persone della zona, e infatti, riferiscono che anche il costo alto dei cani nelle strutture, influisce negativamente in questo massacro! Avete visto, che io sto andando via infatti dalla bellissima Croazia, proprio perchè, 5 camping che ho chiamato mentre ero nella città di Zara, mi hanno chiesto dai 25 ai 40 euro al giorno per 4 chihuahuas! Beh, io non abbandono i miei cani, fanno parte della mia famiglia, io me ne vado! Decido di non pagare cifre così assurde, ma non li condanno a morte lasciandoli in una zona arida, senza acqua ne cibo, possono venire attaccati dagli sciacalli, da cinghiali, orsi, lupi o investiti dalle auto e dai tir! Questo orribile fenomeno, succede purtroppo in tutto il mondo! Ma, siccome adesso mi trovo qui, e sto facendo un tour promozionale, tutto è ancora più triste e crudele.
Alla fine, me ne sono andata via da Zara, ed invece di scendere verso Trogir, Split e Dubrovnick, che ci tenevo davvero tanto ritornare a visitarle a distanza di anni, ho ripreso la direzione verso la Slovenia, ma prima fermandomi a visitare il Parco Nazionale di Plitvice, poi, andrò verso Zagabria.

Special thanks to:

SITO VELIER

Adesso siamo fermi da qualche giorno presso il Camp Bear, camping bear dove ho trovato i proprietari persone davvero di cuore, che amano gli animali, e inoltre, non fanno pagare i cani nel loro campeggio! Proprio per non incentivare l’abbandono di queste creature innocenti. Prima o poi dovremo riprendere il nostro tour, ma siccome piove senza sosta, con una fitta nebbia e si prevede neve, rimaniamo qui. In questo camping di persone gentili e per bene, che si prendono cura di noi. Proseguire il viaggio, con questo brutto tempo, e andare a finire in un campeggio caro, per stare chiusa dentro Roger, sinceramente non ne ho voglia.
 
Mi incammino sulla strada 1 verso il parco, arrivando dopo circa 600 metri alla fermata del pullman. Attendo quasi 40 minuti, e nessuno si ferma… Quindi entro in un ristorante per chiamare un taxy, dove mi viene detto che sarebbe giunto in 5-7 minuti. Attendo 20 minuti. Fa freddo, pioviggina, e quasi ho voglia di lasciare. Ritorno verso il camping Bear, e la proprietaria mi chiama un taxy. Non rinuncio, anche perchè l’indomani e quello dopo, è prevista forte pioggia e neve…
Il taxy mi porta all’entrata 2, quella che rimane a metà del parco, in modo che posso prima salire verso i laghi Superiori per poi scendere verso quelli Inferiori. Inoltre l’entrata 2, essendo con percorsi più lunghi, è anche quella con meno coda….

Ho pagato 100 kuna, circa 14 euro, parliamo del 3 maggio. Il percorso inizia attraversando un #ponte, in mezzo alla natura, alla foresta, e mi ritrovo a fare la coda… Incredibile quanta gente c’era! Non oso immaginare in alta stagione, già così, non è stata proprio una bella escursione… Gente che si ferma a farsi una fotografia nelle passerelle di legno, fregandosene di chi vuole passare, spintoni, bambini che correvano… Pensavo onestamente che ci fosse meno gente. Anyway, inizio a coprirmi perchè la temperatura all’interno del Parco è ancora più bassa, essendo in un grande polmone verde e con moltissima acqua… ogni tanto scende qualche goccia, che per fortuna, non ha mai iniziato a piovere seriamente. Finalmente arrivo alla partenza dei trenino! Trenino è riduttivo, perchè erano dei magnifici Unimog della Mercedes!!! Io ho una passione per gli Unimog... spero che per il prossimo tour potrò averne uno… Il ‘trenino’, ci porta in cima da dove partono i Laghi Superiori, seguo il percorso H, quello che ho scelto e che vedrete la descrizione dei vari programmi più in basso nell’articolo.

 

Il parco è davvero stupendo, con molta meno gente, saprebbe regalare grandi emozioni, anche con una giornata di sole… Purtroppo ho fatto un pò di coda, e non facevo altro che vedere le nuche delle persone o prendere delle botte per le braccia tese per farsi dei selfie o delle foto… C’è stata un bel pò di confusione dal battello… lo stesso pontile di legno era sia per chi saliva e sia per chi scendeva e doveva proseguire un sentiero, facendo rischiare di cadere qualche signora in acqua, per via di spintoni e zaini enormi. Maggio e giugno sono due mesi perfetti per fare questa visita, per i colori, i fiori che sbocciano con i loro profumi, e la probabilità di incontrare nel lago durante l’attraversata in battello, qualche orso…

Il Parco dei Laghi di Plitvice (Plitvička jezera) è il più antico e il maggior parco nazionale della Croazia, situato tra la catena montuosa della Mala Kapela  e la Licka Pljesivica, nella Contea della Lika e di Segna e la Contea di Karlovac.

Il parco Nazionale dei Laghi di Plitvice si trova a metà strada tra la capitale Zagabria e la città  di Zara.

Famoso in tutto il mondo per la sua bellezza mozzafiato, grazie alla formazione naturale di 16 laghi alimentati dai fiumi Bijela Rijeka e Crna Rijeka (Fiume Bianco e Fiume Nero) e da sorgenti sotterranee, collegati tra loro da una serie di cascate, che si riversano nel fiume Korana. I suoi laghi di color verde smeraldo, sono separati l’un l’altro da barriere tufacee.

Nel 1979 i laghi sono stati proclamati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, il suo parco è un’area boschiva ricchissimi di flora e fauna, dove con un pò di fortuna, si possono incontrare orsi, cinghiali, volpi, gatti selvatici, alcune specie oramai in via d’estinzione, che qui hanno trovato le condizioni per vivere indisturbate.

Questa meraviglia naturale che sembra appartenere ad una fiaba  è una tappa irrinunciabile se si viene in Croazia. Il  Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice,  formato da 16 laghi, possono essere visitati  grazie a diversi sentieri e da 18 km di passerelle di legno, avendo l’impressione di camminare sull’acqua.

Il parco è diviso in due parti, in Laghi Superiori (Gornja) e in Laghi Inferiori (Donja). I primi sono circondati dalle foreste e sono collegati da spettacolari cascate, (entrata 2),  nati su rocce dolomitiche impermeabili, e quelli inferiori, dove vi sono numerosi specchi d’acqua, laghetti, ruscelli e cascatelle, adagiati sulla roccia calcarea permeabile.

Per visitare l’intero Parco occorrono circa 6-8 ore di cammino, io ho scelto il percorso H, (di seguito i dettagli dei sentieri),  si può acquistare la mappa dei laghi e dei percorsi all’ingresso del parco,  (consigliato),  in certi punti vi sono i pannelli didattici con le lettere dei percorsi da seguire, tra l’altro nella zona dove i due ponticelli in legno confluivano nell’attracco del battello, essendoci tanta gente in coda, io e altre persone, non siamo riusciti ad arrivare ai pannelli, e così, abbiamo vagato per un pò, perdendo un pò di tempo e ovviamente la coda per risalite il lago.

 VISITA DEI LAGHI

Per visitare la zona lacustre, si può scegliere il proprio percorso tra gli otto proposti nel programma. Se si entra nel parco dall’ingresso 1, si possono scegliere i 4 circuiti contrassegnati dal colore verde, (più brevi) mentre entrando dall’ingresso 2 (dove sono entrata io), bisogna seguire i 4 circuiti con il colore arancione.

Ecco i  percorsi proposti:

Programma A (verde)

  • Tempo stimato: 2 – 3 ore
  •  Lunghezza: 3500 m

Il programma A, parte dall’ingresso settentrionale del Parco (Ingresso 1). Questa visita panoramica è di tipo circolare, e scegliendo questo programma avrete la possibilità di ammirare la “Veliki Slap” (Cascata grande) – la cascata più imponente dei Laghi di Plitvice e della Croazia. La passeggiata continua risalendo controcorrente, attraverso la gola dei “Donja jezera” (Laghi inferiori) lungo i laghi “Novakovića brod”, “Kaluđerovac”, “Gavanovac” e “Milanovac”. Il punto finale di questo programma è il punto di riposo “Kozjački most” da dove, risalendo il versante orientale della gola, si ritorna al punto di partenza (Ingresso 1).

Programma B (verde)

  • Tempo stimato: 3 – 4 ore
  •  Lunghezza: 4000 m

Il programma B ha come punto di partenza l’ingresso settentrionale del Parco (Ingresso 1). Questa visita panoramica è sempre di tipo circolare e comprende la passeggiata attraverso la gola calcarea dei Laghi Inferiori, la navigazione nel traghetto elettrico verso il lago più grande – il Lago di Kozjak, il trenino panoramico e la passeggiata sopra la parte orientale della gola fino al punto di partenza presso l’Ingresso 1. All’interno di questo programma si visitano la strabiliante Grande Cascata (“Veliki slap”) e i “Sastavci“, i bellissimi laghi azzurri “Novakovića brod“, “Kaluđerovac“, “Gavanovac“ e “Milanovac“ e tutta la maestosità del Lago di Kozjak.

Programma C (verde)

  • Tempo stimato: 4 – 6 ore
  •  Lunghezza: 8000 m

Il programma C parte sempre dall’Ingresso 1. Questa visita panoramica è di tipo circolare e comprende zone dei Laghi Inferiori e dei Laghi Superiori. Il punto d’arrivo di questo programma si raggiunge combinando il camminare e la navigazione con il traghetto elettrico, mentre la maggior parte del ritorno si percorre in trenino panoramico. Godete la bellezza delle cascate più grandi e attraenti (la “Grande Cascata”/“Veliki slap“, “Veliki prštavac“ e “Mali prštavac“), nonché una moltitudine di numerose cascate minori e lo splendore dei laghi.

Programma E (arancione)

  • Tempo: 2 – 3 ore
  •  Lunghezza: 5100 m

Il programma E ha come punto di partenza l’ingresso meridionale del Parco (Ingresso 2). Questa visita panoramica è di tipo circolare e comprende la zona dei “Gornja jezera” (Laghi superiori). Il programma include una breve linea di navigazione in traghetto sul Lago di Kozjak, risalendo poi a piedi controcorrente fino al “Prošćansko jezero”, mentre il punto di partenza viene raggiunto con il trenino panoramico. Godete dello scenario idilliaco e rasserenante degli immensi “Gornja jezera” (Laghi superiori) con le loro sponde boscose e le loro cascate più attraenti “Veliki prštavac” e “Mali prštavac” e con una moltitudine di cascate più piccole.

Programma F (arancione)

  • Tempo stimato: 3 – 4 ore
  • Lunghezza: 4600 m

Il programma F parte dall’Ingresso 2. Dopo una breve passeggiata, questa visita panoramica continua in traghetto elettrico per il Lago di Kozjak e con un’altra passeggiata verso la gola calcarea dei Laghi Inferiori fino ad arrivare alla Grande Cascata (“Veliki slap”). Nel percorso tra la Grande Cascata e la fermata del trenino panoramico, vi aspetta un tornante a ridosso di uno strapiombo con la quale raggiungerete la parte orientale della gola, dove si trovano tantissime vedute panoramiche dei laghi azzurri cristallini e delle alte rocce sui loro lati. Al ritorno, il punto di partenza viene raggiunto in trenino panoramico. Nell’ambito di questo programma, la visita panoramica è di tipo circolare.

Programma H (il mio)

  • Tempo stimato: 4 – 6 ore
  •  Lunghezza: 8900 m

Il programma H, ha come punto di partenza l’ingresso meridionale del Parco Ingresso 2. Dopo una passeggiata breve, questa visita panoramica continua in trenino panoramico, (il mitico Unimog!!!), poi con una passeggiata lungo i Laghi Superiori, con la navigazione in traghetto elettrico per il Lago di Kozjak e con la passeggiata attraverso la gola dei Laghi Inferiori fino a raggiungere la Grande Cascata (“Veliki slap”), in seguito con la passeggiata sopra la parte orientale della gola e con un’altra corsa in trenino panoramico. Questo programma circolare vi offre la possibilità di godere le bellezza di tutta la zona dei Laghi di Plitvice. (Ho saltato la seconda corsa con il trenino panoramico, girando sulla sinistra dopo la grande cascata ed arrivando all’ingresso 1. (dovevo correre dai cani…).

PROGRAMMA K (verde)

  • Tempo stimato: 6 – 8 ore
  •  Lunghezza: 18300 m

Il programma K ha come punto di partenza l’ingresso settentrionale del Parco (Ingresso 1) e offre la possibilità di percorrere a piedi tutta la zona dei laghi del Parco. Il programma include la visita alla “Veliki slap” (Cascata grande), la passeggiata attraverso la gola dei “Donji jezeri” (Laghi inferiori), e lungo la costa occidentale del Lago di Kozjak. Proseguendo poi lungo il sentiero si raggiunge la collina di “Stubica”, dal cui belvedere “Tomićev pogled” è possibile ammirare un panorama mozzafiato che domina il Lago di Ciginovac e l’ampia distesa del “Prošćansko jezero” (Lago di Prošće). Al ritorno godrete della passeggiata lungo i meravigliosi “Gornja jezera” (Laghi superiori) e lungo la sponda orientale del Lago di Kozjak, che può essere raggiunto velocemente con il traghetto elettrico. Il programma continua con la passeggiata sul versante orientale della gola dei ”Donja jezera” (Laghi inferiori) fino al punto di partenza “Ingresso 1”.

PROGRAMMA K (arancione)

  • Tempo stimato: 6 – 8 ore
  •  Lunghezza: 18300 m

Il programma K parte dall’ingresso meridionale del Parco (Ingresso 2) e offre la possibilità di percorrere a piedi tutta la zona dei laghi del Parco. Il Programma include una passeggiata lungo la sponda orientale del Lago di Kozjak e sul versante orientale della gola dei “Donja jezera” (Laghi inferiori) fino a raggiungere la “Veliki slap” (Cascata grande). La passeggiata continua risalendo controcorrente, attraverso la gola e lungo la sponda occidentale del Lago di Kozjak. Proseguendo poi lungo il sentiero si raggiunge la collina di “Stubica”, dal cui belvedere “Tomićev pogled” è possibile ammirare un panorama mozzafiato che domina il Lago di Ciginovac e l’ampia distesa del “Prošćansko jezero” (Lago di Prošće). Dopo la discesa dalla collina di Stubica, la passeggiata continua lungo i “Gornja jezera” (Laghi superiori). Dopo un breve attraversamento del Lago di Kozjak in traghetto, si arriva al punto di partenza “Ingresso 2”.

Un piccolo topino che mi è saltato sui piedi! Nel parco ne vedrete davvero tanti saltare da una parte all’altra, come in un mini villaggio per fantastici topini!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: