Italia,  Travel

Prima esperienza in camper, LET’S GO!



Booking.com

Prima esperienza in camper, LET’S GO!

Genova- salone del camper Parma
Deiva Marina – Levanto

camper

Il giorno della partenza, la famiglia è pronta a partire!

La nostra prima avventura in camper! Partiamo da Genova venerdì 16 settembre 2016, in settimana ho noleggiato questo stupendo furgonato da Pons, https://www.pons.it/ comodo come prima esperienza per le manovre, gli spazi, e così con i miei 4 fedelissimi travelers-dogs, ci immettiamo in autostrada, destinazione: Salone del camper di Parma. Beh, partire di venerdì sera con il traffico di fine settimana non è stato proprio una genialata, ma il noleggio era per quel lungo week end. Finalmente arriviamo davanti alla fiera, e vedo solo tantissimi camper parcheggiati nelle piazzuole! Beh, ricordatevi che è stata la mia prima esperienza, quindi tutto era nuovo per me, infatti…


Vado dai ragazzi al chioschetto e chiedo un posto, naturalmente non avendo prenotato, non c’era disponibilità, e quindi mi suggerirono un parcheggio poco distante, nella quale però, non avevo nessun tipo di allaccio. Cominciamo bene! Mi sale l’ansia, ‘oddio, ce la farò con i consumi?‘, ma erano quasi le 22 e l’unica cosa che volevo, era farmi una doccia, mangiare qualcosa e portare fuori i cani. Pioveva, faceva anche freddo, iniziai a smanettare nel camper per poter utilizzare la corrente, l’acqua calda, il frigo, ma nulla! Non mi ricordavo assolutamente cosa dovevo fare. CALMA! ?Uscii dal camper e andai alla ricerca di un aiuto. Incontrai un signore che gentilmente mi illustrò cosa fare, e finalmente ero in piena autonomia!

davPresi i cani dato che in quel momento non pioveva per fare la passeggiata serale, tornammo nella nostra casetta su due ruote, e preparai la cena. Verso le 23,30 decisi di fare la mia super doccia nel bagnetto, ero entusiasta dall’idea che avevo tutto a portata di mano! Ma nulla. L’acqua era fredda. ?Ma non era tutto a posto? Oramai era tardi e non me la sentivo di disturbare di nuovo qualcuno, così, me ne andai a nanna. Ma faceva freddo. E il riscaldamento? Nemmeno quello funzionava! Ma il signore, non era un esperto? ?

 

img_20160917_121624Finalmente ci svegliamo con un sole fantastico! 29 gradi, così con la ciurma carichi di entusiasmo e buoni propositi, andiamo a fare la passeggiata per i bisognini e a scaldarci un po’ le ossa, poi colazione in camper e via al Salone! Dalla foto potete notare come siamo super attrezzati! Passeggino e le 4 iene dentro. Questo perché in primis, in mezzo alla folla nessuno li schiaccia, e comunque 4 guinzagli sono ingestibili… poi, è comodo per mettere acqua, borsa, e soprattutto la presentazione in 300 copie del nostro progetto! (seguirà nota del progetto in seguito).

Iniziamo il nostro tour nel salone, tra decine e decine di foto ai cani, diversi incontri con i produttori di camper, alla quale presentai il mio progetto, tanta curiosità, una giornata piena di novità, informazioni, la visita di questi meravigliosi veicoli ricreazionali, e già mi vedevo su uno di questi  pronta a partire per il mio tour mondiale! Verso sera, stanchi e provati, (soprattutto io che spingevo il passeggino, loro se ne stavano comodi e beati) tornammo nel camper, e mi impegnai a capire come funzionava questa ‘astronave!’. Seconda notte al freddo e senza acqua calda… ?

img_20160917_154547

Prima doccia in camper!!!

Ansia che finisse l’acqua ????

Il mattino ha l’oro in bocca! Sono riuscita a far funzionare tutto!!! Bastava solo schiacciare un pulsante, ma non lo dite a nessuno! Me tapina. Facciamo un ultimo giro al Salone, salutando gli stand con cui avevamo preso accordi il giorno prima, e dopo pranzo, partenza verso una qualsiasi destinazione al mare, andando verso casa.

img_20160918_093413Pensierosa, e adesso dove andiamo?

Cammina e cammina, anzi, guida e guida, decido di fermarmi a Levanto, località della mia adolescenza, avevo nostalgia di rivedere quei luoghi, e così parcheggiai lungo il mare.

 

LEVANTO, è un comune in provincia di La Spezia, parte del suo territorio rientra  nel Parco Nazionale delle Cinque Terre e dell’Area marina protetta Cinque Terre. Da sempre località turistica balneare che ha saputo mantenere il suo fascino paesaggistico e naturale, un luogo incantato dove fare lunghe passeggiate e ammirare il mare.

I colori erano formidabili, un dipinto sul mare di sfumature diverse, quel giorno la natura mi ha regalato emozioni straordinarie, uno spettacolo senza eguali. Dopo una bella passeggiata con la ciurma, torniamo sul camper per pranzare, e dall’interno vediamo i diversi surfisti esibirsi tra le onde.

 

 

 

Levanto  è  una luogo piuttosto popolare per chi pratica il surf, richiamando tanti amanti dell’onda sia italiani che esteri.

davFinito il nostro pranzo ci rimettiamo in viaggio, ed ecco che mi si presenta un nuovo modo (per me) di vivere il camper, cioè soggiornare all’interno di un camping. Entro presso il camping La Sfinge a Deiva Marina, https://www.campinglasfinge.com/ la ragazza è gentile, sorridente e cordiale, mi indica i prezzi e la mia piazzuola, mi accompagna a fare un giro del campeggio, indicandomi dove erano i servizi, i lavandini, la lavatrice, etc. Finito ci salutammo e parcheggiai il mitico Livingstone!

Finalmente posso capire come si vive in un camper anche in un campeggio, con gli allacci e con più comodità rispetto all’esperienza vissuta nei due giorni precedenti. Nonostante avessi la corrente elettrica, l’acqua calda e tutto, volevo provare a fare la doccia nei servizi pubblici ?, provavo tutte queste cose nuovissime per me (lontano dagli hotel a 5 stelle…), ed ero felice come una bambina in un negozio di giocattoli! Amo la novità ed il cambiamento, quindi, via! C’è da dire che non essendo più periodo di alta stagione, nel camping c’erano solo alcuni stanziali, e qualche camper straniero, tutti rigorosamente gentili, salutavano nelle diverse lingue, e tutto si svolgeva completo silenzio, tutti immersi nella natura, nessuno schiamazzo, educazione e rispetto, cosa ‘assurda’ in un luogo dove si vive a stretto contatto, e questo mi ha fatto molto piacere, perché potevo vivere nella natura e godermi la pace.

Una roccia a forma da sfinge, da qui ha preso il nome il camping dove ho soggiornato!

In quel momento, mi sono davvero innamorata delle vacanze ‘en plein air’, la totale libertà di muoverti, di scegliere dove andare, cosa fare, senza tempo, orario, senza limiti, ti rendi conto che basta un comodo letto, una doccia, i servizi, la cucina e stai bene! Almeno per me è così, perché amando camminare nei boschi, mi bastano davvero queste semplici ma importanti e fondamentali cose.

E così dopo la mia super doccia, prendo solo Miu Miu e Dior, (gli altri due non camminano molto, Hermes ha problemi bilaterali alla rotula, e Coco è una topina, troppo delicata), così entriamo nel bosco dietro al campeggio. Anche qui la mia totale assenza di esperienza dopo quasi 2 ore di camminata con delle sneakers inappropriate, e con il rischio di numerosi scivoloni dovuti al terreno fangoso (aveva piovuto), torniamo indietro. Che dire, lavaggio scarpe e super docciona per me! Ma questa volta nel camper, certo, dovevo capire i consumi quanto duravano, quindi essendo il penultimo giorno, dovevo sfruttare ogni cosa!

La notte è stata dolcissima, il riscaldamento acceso, l’acqua calda, la corrente elettrica, e tanto riposo nel silenzio più assoluto. La mattina seguente, l’ultimo girono, è stato davvero triste, oramai mi sentivo parte di tutto questo, la totale libertà che ho provato, mi ha fatto cambiare idea su molte cose, beh si, amo gli aerei, gli aeroporti, ma con 4 cani, è impossibile  viaggiare in quel modo, anche perché noi 5 siamo una famiglia, non mi separo da loro, piuttosto rinuncio ad un viaggio se con me non li posso portare, e quindi aver provato il camper, ed essermene completamente innamorata, ha risolto molti aspetti della mia vita.

DEIVA MARINA, è un comune facente parte della provincia di La Spezia, non sono scesa sul litorale, ma ho solo camminato in qualche sentiero nel bosco, tra fontanelle, laghetti e castagni. E devo dire che per gli amanti del trekking, sa regalare panorami mozzafiato e scenari paesaggistici naturali davvero incantevoli!

Questa straordinaria prima esperienza, anche se un pò in salita all’inizio, mi ha davvero entusiasmata! Alla fine però, adesso dovevo fare il lavoro meno carino… cioè svuotare gli scarichi… ? Avevo già fatto la prima esperienza a Parma, beh devo dire che la cosa mi disturba un po’, ma è necessaria, quindi Keep Calm, e andiamo avanti!

Arriviamo a Genova, con tanta tristezza consegniamo il camper ed ho già voglia di ripartire…



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: