Home Africa VISITARE IL MAROCCO

VISITARE IL MAROCCO

by Saba Wesser

Il Marocco è un paese che attira molti viaggiatori ogni anno. Dai mercati colorati e ricchi di profumi speziati, alle vivaci montagne dell’Atlante e dai monti del Rif, e dal grande deserto del Sahara. C’è davvero così tanto da vedere in questo incredibile paese nordafricano. Potrai visitare le vestigia delle grandi civiltà mesopotamiche, come nella città di Rabat, con le sue opere architettoniche, che testimoniano l’antica presenza francese o le rovine romane di Volubilis.

Sono moltissime le persone che visitano il Marocco anche in camper, e ti consiglio di tenere presente, che questo  è un paese più conservatore rispetto a noi occidentali, quindi è importante essere consapevoli di ciò che ti circonda, soprattutto come viaggiatrice donna.

Pronto per esplorare questa gemma nordafricana? Ecco alcuni suggerimenti essenziali per il tuo viaggio in Marocco.

Ma che tempo fa?

Il Marocco è un’ottima destinazione da visitare tutto l’anno. Con la sua costa, le montagne e i paesaggi desertici, è un paese incredibilmente vario, che offre qualcosa di unico da vedere in qualsiasi stagione. Da considerare ad esempio, che tra novembre e febbraio, si verificano le piogge, soprattutto nel mese di gennaio, più piovoso e freddo, mentre luglio ed agosto, sono i più caldi, quindi sono anche i mesi meno affollati. La primavera (marzo e aprile) e l’autunno (settembre e ottobre) hanno il clima più favorevole.

Il clima del Marocco è temperato lungo le coste, con temperature estive non molto elevate ed inverni miti, mentre nell’interno del Paese, le temperature sono più elevate in estate, arrivando anche oltre i 40 gradi, mentre gli inverni restano abbastanza miti; durante la notte le temperature sono molto basse, soprattutto nel deserto. In inverno si registrano abbondanti nevicate sulle montagne dell’Atlante.

Con una ricca storia, abitato fin dalla preistoria da popolazioni berbere, il Marocco conobbe la colonizzazione di vari popoli come i Fenici, i Cartaginesi, i Romani, i Vandali, i Bizantini e, infine, gli Arabi.

Il Marocco diventa protettorato nel 1912, e nel 1956, è stato tra i primi paesi del continente africano, a diventare indipendente, per mano del sultano Mohammed V. Il Marocco ha mantenuto la monarchia anche dopo l’indipendenza.

Dalle vibranti montagne rosse dell’Atlante, all’esplosione di colori negli infiniti mercati sparsi per le antiche medine, questo posto ha una bellezza unica tutta sua.

Luogo incantevole per soffermarsi in uno dei tanti caffè all’aperto, di ispirazione francese, un luogo magico, dove potrai cavalcare un cammello nel deserto per trascorrere una notte sotto le stelle.

Come mi vesto in Marocco?

Scegli di portare in valigia,  abiti leggeri e larghi, e assicurati di coprire sempre le spalle e le ginocchia. Porta con te sempre uno scialle o pashmina, ideali per le condizioni calde e soleggiate e mostrano rispetto per la loro cultura, che, a sua volta, ti farà trattare con rispetto. E non dimenticarti una felpa, per le diverse escursioni termiche, che potrai torvare a seconda della zona che andrai a visitare.

Lingue parlate in Marocco

Le lingue ufficiali del Paese sono l’arabo e il berbero. L’arabo è la lingua più diffusa in Marocco, anche utilizzata dai berberi, per il culto proprio dell’Islam. Mentre il francese, è la seconda lingua del paese, ed è anche la lingua utilizzata nell’amministrazione, nell’economia e nella didattica.

Ma c’è da dire che è facile incontrare diversi marocchini, che parlano anche la lingua inglese, l’italiano e lo spagnolo e anche un pò di tedesco!

Le città principali del Marocco

Casablanca, Essaouira, Tangeri, Rabat, Marrakech, Tétouan, Fès, Agadir, Meknès, Oujda, Safi.

Una delle città più belle e affascinanti del Marocco, Capitale Africana della cultura nel 2020, questa città millenaria ospita una fiorente medina, stupendi negozi locali, e i suoi bellissimi riad (pensioni spesso convertite da case di famiglia), piccoli palazzi orientali disposti intorno ad un cortile centrale. Recati nei quartieri di Guéliz e Hivernage, che offrono infrastrutture modernissime e numerose boutique di lusso, o nella famosa piazza Jemaa El Fna, il luogo di ritrovo dove le persone, trascorrono il loro tempo mangiando e bevendo, in un clima tipico, caratterizzato dalle prelibatezze locali, dai cantastorie, indovini ed i musicisti Gnawa.

Il souk di Semmarine, è probabilmente uno dei più interessanti del Marocco, ricchi di pezzi di artigianato berbero e arabo, come ad esempio, candele ornamentali, terracotta, lampade e molto altro; mentre nel souk di Attarine, si possono trovare prodotti in ottone e in rame.

Se vuoi rilassarti, recati presso i giardini Menara, realizzati dalla dinastia degli Almohadi, passeggiando lungo i suoi sentieri fiancheggiati da uliveti.

La ‘città rossa’, con le sue terrazze soleggiate, la ricchezza architettonica della medina, dove è situato il famoso minareto della moschea Koutoubia, ammira la torre, alta 77 metri, una costruzione  dell’arte islamica, ispirata  alla torre Hassan di Rabat e alla Giralda della Cattedrale di Siviglia.

Nel 2016, Marrakech ha ospitato la conferenza Cop22 per contrastare il cambiamento climatico, come segno di riconoscimento per il suo grande contributo a livello internazionale ed eccellenti capacità nel settore alberghiero.

Marrakech è anche sport. Nei monti Atlas con i suoi ripidi pendii, potrai ridiscendere a tutta velocità le sue cime innevate sulle piste da sci. La stazione sciistica di Oukaïmedena a 3200 metri di altitudine,  offre tutti i servizi per gli appassionati di sci e snowboard, e quando di giorno avrai terminato il tuo divertimento sulla neve, torna a Marrakech, per trascorrere la tua serata in un  clima più caldo. Per gli amanti dell’avventura e dell’escursionismo, il Jebel Toubkal è il luogo perfetto. Mentre vicino al Parco Nazionale Toubkal, troverai una Riserva Naturale,  che ospita un fantastico parco avventura,  con diversi percorsi alla fune, le teleferiche ed i ponti sospesi, il più grande di tutta l’Africa.

Appena fuori dalla città a 40 km di distanza, è situato il lago Lalla Takerkoust, dove potrai divertirti tra corse in quad e acquascooter, un luogo incantato, ideale per tutti gli sport acquatici, compresi le moto d’acqua, la canoa ed il kayak. E ancora, sono da visitare le favolose cascate di Ouzoud, o se preferisci, potrai immergiti nella storia presso la montagna di Oukaïmeden, un’area  ricca di siti di arte rupestre dell’età del Bronzo.

Marrakech è golf: i campi da golf sono un vero must, finemente progettati e adatti per tutti i livelli. E se ami volare, potrai noleggiare un aereo ultraleggero o sorvolare la città in mongolfiera, il panorama è assicurato!

Agadir è una delle perle del Marocco. Meta turistica da visitare in qualsiasi stagione. Un luogo baciato dal sole 300 giorni all’anno, che splende sulla città, dove si può godere di un clima piacevole addolcito dai venti alisei, mentre potrai passeggiare nel suo lungomare con una lunghezza di ben 10 kilometri, e sederti in uno dei numerosi caffè, che si affacciano sul mare, o assaggiare uno dei piatti della cucina locale.

Cammina tra i suoi vicoli pittoreschi, tra muri abbelliti con piastrelle smaltate, attraversa le porte decorate e scopri il patrimonio artigianale di Agadir, sino a raggiungere la Kasbah, che si trova arroccata su un’altura a 775 piedi di altezza.

El Had Bazaar,  sono le circa 6.000 bancherelle che si snodano per le strade, dove potrai fare i tuoi acquisti, comprare un souvenir come ricordo di Agadir. 

Inoltre se ami la natura, nell’entroterra di Agadir, potrai esplorare il Parco Nazionale Souss Massa, dove troverai una fauna selvatica davvero sorprendente: 250 specie di uccelli, tra cui il famoso Ibis calvo, gli antilopi, i cinghiali e le manguste. Mentre a Tifnit, tra le pareti rocciose, noterai le numerose incisioni realizzate dagli antichi abitanti delle grotte.

Taghazoutti, un tempo villaggio di pescatori, oggi è una deliziosa località balneare, dove gli amanti del surf e degli sport acquatici, possono davvero divertirsi.

Casablanca è la capitale economica del Regno del Marocco, con un ricco patrimonio ed eccellenti infrastrutture moderne, che ti potranno offrire momenti piacevoli, tra le sue spiagge private, i parchi acquatici ed i centri per il fitness.

La spiaggia attrezzata di  Ain Diab, è ideale per chi pratica il jet skiing e il windsurf, ma sul suo lungomare, potrai rilassarsi presso un buon ristorante, un caffè o ammirare la Casablanca by night.

Grazie alle sue infrastrutture all’avanguardia, le sue boutique e i suoi centri commerciali, Casablanca è la capitale dello shopping! Un chiaro esempio, è il  Marocco Mall,  il più grande centro commerciale d’Europa, sviluppato in bene 70.000 metri quadrati. Oltre ai  600 marchi di moda, rimarrai ababgliato dalla sua fontana musicale e un cinema 3D.

Passeggiando all’interno della medina, o nel distretto di Habous, la zona della città vecchia, incontrerai un intero suk dedicato al rame: luci, vassoi, teiere e altri prodotti, decorati con il tipico stile arabesco.

Questa città non smette mai di stupire e non si ferma mai! Durante tutto l’anno, sono moltissimi gli eventi a cui prendono parte diverse stelle nazionali ed internazionali, che si esibiscono ai vari festival, concerti, spettacoli e altri eventi culturali. Gli eventi più noti sono il Jazzablanca Festival, il Boulevard Tremplin e il Festival di Casablanca.

La città imperiale di Rabat è ora la capitale del Regno del Marocco, riconosciuta dall’UNESCO come capitale moderna e città storica, Rabat è un concentrato del patrimonio marocchino.

La Torre di Hassan, è un minareto incompiuto che veglia sulla città da oltre otto secoli, dove è situato il famoso mausoleo di Mohamed V. Questo monumento, scolpito in onice bianca e ornato di marmi, intonaco e legno finemente intagliato, è anche un omaggio all’arte arabo-islamica, che mette in mostra tutto il fascino di questa arte.

Visita la Kasbah di Udayas, e godi della tranquillità del luogo, passeggiando lungo il giardino andaluso, che esalta il fascino di questa antica fortezza, con le sue gallerie d’arte, e recati per una pausa sulla terrazza del Café Maure, sorseggiando un delizioso tè alla menta con biscotti marocchini.

La capitale del Marocco è dedita all’ecosostenibilità, e offre a suoi residenti e anche turisti, ben 230 ettari di spazi verdi dove poter approfittare di cultura e natura.

Rabat è una città verde, con la sua foresta Ibn Sina e il Jardin d’Essai, i giardini esotici di Bouknadel, che ospitano più di 600 specie vegetali provenienti da 5 continenti e 80 specie animali, la foresta della Maamora, dove organizzare un  picnic con familiari e amici, oppure osservare gli uccelli acquatici migratori, presso la Riserva naturale di Sidi Boughaba. Mentre nel lago naturale di Dayet Roumi, si può noleggiare un pedalò o una moto d’acqua in totale relax, immersi dalla natura.

Rabat è anche sport: con il suo campo da golf Royal Golf Dar es Salam, con i suoi svariati circoli equestri, le sue spiagge dove praticare surf e windsurf, o luogo ideale per fare escursionismo presso Akrach, ma anche provare il parapendio, il deltaplano o volare in un aereo leggero, presso l’Aero Club di Salé.

La necropoli di Chellah, è un antico borgo dove poter scoprite tra le sue mura, uno dei più sorprendenti siti archeologici del paese.

Rabat è anche shopping, infatti  dispone di notevoli centri commerciali, come ad esempio Al Megamall, dove si può giocare a bowling, fare pattinaggio o mangiare qualcosa al bar o al ristorante.

Essaouira, oltre alla sua bellezza naturale e incontaminata, saprà meravigliarti di fronte all’abilità degli artigiani della città, tra i più talentuosi di tutto il Marocco.

Passeggiare lungo i blocchi della vecchia fortezza, è un ottimo modo per ammirare gli ebanisti e gli intarsiatori, mentre lavorano i diversi materiali come il legno di tuia, i fili d’argento e di rame, la madreperla o l’osso di cammello. Qui potrai acquistare ad esempio una bella scatola di gioielli, un tavoliere con scacchi e pedine o le coperte di lana intrecciate e le tradizionali babouche, le tipiche pantofole create lavorando la raffia o il nubuck.

L’olio di argan, è una specialità della regione di Essaouira, di cui si occupano le donne della città. Oltre a godere delle proprietà anti-invecchiamento e delle applicazioni culinarie dell’olio, si potrà contribuire a migliorare le condizioni di vita delle donne che gestiscono le cooperative locali.

Essaouira è una delle zone preferite per chi pratica surf, kitesurf e windsurf, ma è anche famoso il suo campo da golf Mogador a 18 buche, considerato uno dei più emozionanti del mondo.

La bellezza incontaminata di Essaouira, una volta conosciuta con il nome di “Mogador”, saprà stupirti in tutti i sensi. Distese di alberi di Argan, cedri, i pini dell’isola di Norfolk e altre piante sempreverdi,  coprono quasi metà della provincia di Essaouira, una delle regioni più densamente boscose del regno.

Un patrimonio che ha saputo preservare questo ecosistema protetto, che comprende foreste, dune, laghi, oceani e una costa che negli ultimi anni,  si è affermata nel tessuto turistico sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

Le Isole Mogador, situate di fronte al porto di Essaouira, sono state trasformate in una riserva naturale, e rappresentano una sorta di santuario per i falchi della Regina (Falchi eleonorae), i gabbiani e altri uccelli.

Una città internazionale ricca di fascino, profumi e colori, dove il mar Mediterraneo si fonde con l’oceano Atlantico. Camminando per le strade, tutto racconta della sua storia che l’ha vista sotto il dominio dei fenici e dei cartaginesi, dei romani e poi ancora dagli arabi, dei portoghesi, degli spagnoli e degli inglesi.

La Medina di Tangeri è un labirinto di piccole strade lungo la collina che domina il porto, qui si trova una Kasbah del 1600, dove è situato il  palazzo seicentesco del sultano, oggi sede di un importante museo. Da sempre la Medina  è stata  fonte di ispirazione per numerosi artisti:  come Henri Matisse, Paul Bowles, Eugène Delacroix  e William Burroughs.

Passeggia per le strade di Tangeri, la Città Bianca, e lasciati trasportare dall’atmosfera sognante della città, tra i vicoli del Grand Socco o tra le viuzze della kasbah,  ammirando la fortezza che domina la medina.

A Tangeri ci sono due mercati famosi: il Grand Socco e il Petit Socco, dove si trovano alcuni caffè e ristoranti per degustare il cous cous.

Immergiti nel mare blu e ammira le montagne del Rif, Tangeri saprà mostrarti una grande varietà di scenari naturali. Immersioni spettacolari nelle acque dello stretto di Gibilterra, o recati presso Cap Spartel, che ospita le famose Grotte di Ercole, dove l’enorme roccia di granito trafitta dalla luce del sole, apre un incantevole spettacolo sull’oceano e sul continente africano.

A Tangeri è situato il primo campo da golf con un percorso a 18 buche, una lunga tradizione, inaugurato nel 1914.

You may also like

Rispondi

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: